domenica 28 aprile 2013

Come conquistare una donna a Milano

Ecco qua.
Cioè , premetto che è solo una mia teoria, però potrebbe funzionare.
Non la metto in pratica fino in fondo perchè altrimenti poi quando torno a casa la mia donna mi taglia le gonadi. Però voi che potete provatela pure, e fatemi sapere.

Insomma, ho notato, anche parlando con diverse donzelle, che qui gli uomini - generalizzo, eh - non sono molto galanti. Insomma, sono abituate piuttosto male (o bene, dipende come la vedi)
Gli uomini non le richiamano dopo aver fatto zompazompa , non le riaccompagnano a casa la sera e nemmeno le vanno a prendere .
Manca proprio l' a-b-c del perfetto corteggiatore "di giù".
Vi assicuro che conosco ragazze che sotto al Po' avrebbero la fila dietro , che invece qui si stupiscono per un piccolo, singolo gesto.

Ecco, questo è il gesto che potrebbe aprirvi le gamb porte del loro cuore:
Aprite loro la porta.

Ovunque, dove entrate entrate.
Ed anche dove uscite.


Rimangono piacevolmente stupite.
Mi è successo già tante volte. Che ne so, entrando in un ufficio pubblico, alla posta, in panetteria. Persino se le fai passare avanti nelle scale mobili della metropolitana.

Vi ripeto che non sono abituate.
Non vi dico se le aprite la portiera dell'auto, aumenta l'umidità in maniera automatica!
(questa non è tanto immediata da capire)

E se volete far rosicare le amiche della vostra donna, così giusto per , mettetele a posto la sedia prima che si accomodi al ristorante, il gesto verrà notato da tutte le presenti, generando somma invidia.

comunque avete capito il piano?

Apri la porta, resti fermo per farla passare e lei aspetta.
Dopo un paio di secondi realizza che forse quello che ha solo visto in qualche film succede anche nella realtà: qualcuno le sta aprendo la porta.
Fanno un sorrisino , ringraziano , abbassano un po' il capo, e passano.
Con un po' di timore, che magari hanno capito male e temono che te gli sbatti la porta in faccia,
Una volta una signora sui cinquanta, giuro, mi fa' " wow " , come per dire "che galantuomo".
Assurdo. E davvero non avevo fatto nulla di che.
Però funziona anche con le under 50 , eh.

Vabbè , io vi ho indicato la via, poi vedete voi se volete seguirla.




6 commenti:

Blackswan ha detto...

vabbé che al nord ci sono i barbari sognanti, ma questi che descrivi tu sono barbari e basta !! ah... comunque anche sotto il Po non ti richiamano dopo aver fatto zumpazumpa..

Annastella ha detto...

Cioè..che davvero? Io sono di molto sotto al Po'..ma di wow ne esclamo pochi:-(....manco fossi na' cozza :D .....ciao , intanto Gegge!

Personne (semplicementeBi) ha detto...

Pensa che io, di molto (ahimè) sopra il Po, quasi mi offendo se mi aprono la porta...non ti dico se mi offrono un caffè, minimo mi sento in dovere di ricambiare con un giro di grappa! :-)

kermitilrospo ha detto...

guarda che qui al nord le donne sono emancipate a tal punto che ti aprono loro la porta e certe non accettano davvero un invito per un caffè perchè altrimenti si sentono quantomeno obbligate a farti un pompino.

io quella dell'umidità l'ho capita subito, anche se sono barbaro!! :D

gegge ha detto...

ah , Kerm.... se solo avessi vissuto la mia post-adolescenza qui....... avrei ancora i tendini delka mano sani...... :-P

Sara... ha detto...

Hai ragione... io adoro quando il mio uomo è cavaliere, e grazie a cielo lo è sempre!
Le donne confondono la femminilità col femminismo... se si sentono più emancipate ad aprirsi la porta da sole... permettetemi dire che non hanno capito nulla!
Bravo Gegge continua così!
:-)