venerdì 12 aprile 2013

Traumi infantili # 2 - L'operazione

Oggi vi racconto di quando mi son fatto le Adenoidi.
Che non sono due sorelle che erano alle superiori con me, trattasi di operazioncina tanto simpatica che forse in realtà era " le tonsille " , solo che non ricordo bene , forse coincidono , forse no , in ogni caso è stato un trauma che rimossi poi riemerse per poi sparire per poi riproporsi ogni tanto.
Così, in base all'umidità.

Ero piccolo. Non ricordo quanto piccolo , diciamo cinque anni.
ricordo che per qualche giorno mi trovavo in questo posto in cui c'erano anche altri bambini (più verosimilmente la cosa sarà stata fatta in giornata, o forse serviva un giorno prima per accertamenti boh) comunque in questo posto si mangiava sempre il gelato , ed io che ero un bello puorco sin da allora ricordo con chiarezza ancora oggi sta cosa. Gelato a fragola in vaschetta.
"Mamma , che devo fare qui?"
"Le adenoidi!"
"E perchè?"
(all'epoca chiedevo sempre il perchè di tutto)

Non ricordo cosa mi rispose.
ricordo solo il momento prima dell'operazione, eravamo tutti  i bambini in questa stanza , in attesa, ognuno con il genitore a fianco. Ci dicevano di stare rilassati, di non preoccuparci.
A questo punto i ricordi si fanno un po' più vividi.
E' il mio turno, ero uno dei primi.
Entro da solo, mia madre non puo' entrare. Vabè.
"mi daranno del gelato?" penso.
Mentre la porta si chiude ricordo di aver sentito un'altra madre tranquillizzare il proprio figlio "non ti preoccupare, non è niente di particolare, stai tranquillo..."

Mi fanno stendere su di una specie di poltrona da dentista (o almeno nel mio ricordo era così, non credo fosse un lettino , considerate che sono ricordi alterati da quello che successe dopo , vecchi di quasi venticinque anni ) e c'erano sti due dottori. Nel ricordo hanno entrambi il camice e la mascherina, non si vedono i loro volti. Ma forse il mio incoscio su sta cosa è stato influenzato da tutto quell'horror che poi mi sono sparato nel cervello negli anni successivi , fino ad oggi.
Ricordo di aver pensato qualcosa tipo "ma non mi fanno l'anestesia?"
(ero piccolo, ma già sveglio)

"Apri la bocca.....A A A A A AAAA......."

Poi mi sembra di ricordare dei ferri che mi venivano infilati nella gola,e tipo c'era il classico dottore che lavorava e quell'altro che guardava, come facciamo sempre a Napoli, per qualunque professione.
A questo punto il ricordo da un lato è confuso, dall'altro mi sembra di ricordare chiaramente un rumore di qualcosa che si rompeva, tipo .... tipo quando spezzi il kit&kat.
(oddio, sto acquisendo una proprietà descrittiva nello scrivere , da paura)

Poi inizio ad urlare, non ricordo se era per lo spavento o per il dolore. Boh , non saprei dirvi, forse la prima.
I dottori devono essere rimasti spiazzati , mi sembra di ricordare i loro occhi impauriti.

Poi  c'è una specie di salto, mi sembra come di ricordare sangue che esce dalla bocca (boh?) e tutto era finito, mi portavano via in braccio (forse mi consegnavano nelle braccia di mia madre?) e chiudevo gli occhi proprio mentre tutti gli altri bambini, terrorizzati dalle urla che avevano sentito e dal fatto che ero uscito in quelle condizioni , iniziavano a piangere e disperarsi.
ehehhehehehehehehehe

Poi riapro gli occhi, ed è tutto finito.
Sono nel letto, i miei sono accanto e sorridono.
Papà ha una macchia sulla camicia, mentre mi servono del gelato mia madre mi fà:

"Hai visto a papà , ha picchiato il medico che ti ha fatto male, ha una macchia del suo sangue sulla maglietta!"
Lo dice sorridendo.
Ora non fate i Montessori pacifisti, sentire quella cosa mi aveva dato un senso di giustizia , per quello che un bambino a quell'età puo' pensare che essa sia. Un po' come quando ti dicono che hanno picchiato l'uomo nero, che mo' col cavolo che si fa' vedere più.

Pure papà è sempre stato nu bellu puorc , chissà che cosa si era mangiato nel bar dell'ospedale, probabilmente 'na focaccia al pomodoro ;P

____________________________________________________________________________


ps Quest'episodio ha compromesso totalmente la mia futura carriera medica, che non ha mai potuto nascere.
pps magari sento mia madre e le chiedo una ricostruzione più fedele dell'accaduto.
pps magari mi vado a leggere su w.pedia qualcosina su sta operazione, mi schiarisco un po' le idee
ppps ciao belli!


3 commenti:

ApeRegina ha detto...

io ricordo la sera prima dell'operazione che guardavamo alla tv dell' ospedale "Dallas"

gegge ha detto...

anche te sei vecchiaaaaaaaa :-P e sei una sopravvissuta eheh ;-)

Cervello Bacato ha detto...

E' probabile che fossero le tonsille allora... Credo... Io tolsi le adenoidi da piccolo, ma anestesia a bomba per fortuna! Che coraggio gegge...