lunedì 28 maggio 2012

Semirevival - Come pubblicizzare il tuo blog su Facebook

Viene un momento in cui un blogger  decide di attivarsi per far aumentare il numero dei suoi lettori.
 I motivi possono essere vari, dalla mera vanita' alla voglia di confrontarsi con piu' persone ,dal desiderio di ottenere dei riscontri alla voglia di far arrivare il proprio pensiero alla maggior parte di persone possibile. Spinto un po' da tutti questi motivi, decido che improvvisamente i miei 4 lettori fissi non mi bastano piu', e inizio ad informarmi su come pubblicizzarlo un po'.
 Son costretto a scartare l'idea di un breve spot pubblicitario durante il superBowl perchè non esiste una versione in inglese del mio blog , decido quindi di ripiegare su Facebook.


Prendi e ti apri una pagina personale collegata al blog , di modo che ogni volta che fai un post lo metti in bacheca e gli altri condividono o mettono il mi piace, e in poco tempo di diffonde.


Questo almeno è quello che credevo , in pratica le cose non vanno proprio così.


Quando la tua pagina è pronta devi iniziare a racimolare gente, a tal scopo cominci ad invitarci i tuoi amici. Fai un po' di selezione : questo si , questo no, questo non capisce le battute è inutile , questo non so manco chi è quando lo acchiappo in chat devo chiederglielo , questo non accettera' mai , questo massì che me ne frega fa numero ecc ecc ecc


Ora, ovviamente non tutti accetteranno ; magari non sono interessati o forse non hanno neanche letto l'invito, dato che c'è una inflazione di pagine e sei solo la classica goccia nel mare.


Allora te che fai, devi sincerarti che abbian visto, non accetti l'idea che possano aver voluto gli aggiornamenti della pagina degli "amanti del gelato al puffo" e non della tua , quindi li aspetti al varco in chat.(In quei momenti ti senti come l'amico P.R. , che ti incontra per caso ,ti saluta sorridendo e poi dopo venti secondi di convenevoli ti invita alla serata che "non puoi mancare!)".
 Non appena appaiono fai passare qualche secondo poi -zac- li contatti. "Ue' caro come stai che si dice tutto a posto? Senti ho aperto una pagina fb collegata al mio blog forse non hai letto l'invito, che ne dici di andarci e mettere il mi piace?" A quel punto di solito la gente cede,in fondo non gli costa nulla. Vanno , ti fanno contento , magari leggiucchiano davvero quello che hai scritto e diventano fans.
 Il fatto è che c'è anche chi ti mente , dicendoti "Si, certo ci vado subito" oppure "Grande!Vado a vedere" , come se tu non potessi accorgerti se i tuoi venti lettori non son diventati ventuno... Decidi comunque di non insistere piu' , attendendo che ti mandino una delle loro richieste di torte alla cioccolata o di una pala che devono zappare la terra in uno di quei giochini intelligenti che fanno.
Zappa che te non gli hai mai mandato, in effetti, anche se ne avevano bisogno. Forse è questo il motivo per cui non ti hanno accontentato,pensi. Magari, come te ci tenevi ad avere un nuovo lettore, loro ci tenevano ad avere quella zappa nuova , che ci seminavano il loro bel campo.
Comunque, dopo i primi giorni esaurisci gli amici interessati, non hai piu' nessuno da invitare e devi solo inserire post ed attendere che le cose facciano il loro corso.Vedi che la gente, intanto, condivide o mette sto "mi piace" a battutacce che erano gia' vecchie all'asilo, aforismi da cioccolattino , passi di canzoni , il tutto contornato da foto di donne tristi o incazzate,animali coccolosi,attori o attrici famosi, mentre le cose che scrivi - che a causa della tua superbia consideri di medio\alta qualita' - non se le fila nessuno. Ogni tanto accedi per notare se c'è qualche fan in piu' , poi vedi che so' sempre gli stessi e inizi a prendertela con gli amici che non condividono le cose che scrivi. Ricordo che quando ero piccolo c'erano i Tamagochi , credetemi erano molto meno stressanti da gestire. Al massimo, se non lo pulivi, moriva affogato nella propria cacca.


Alla fine poi arriva un giorno in cui ci pensi un po' su , ti accorgi che non è che te ne frega poi tanto di mettere in fila centinaia di lettori,che se li tenga tutti il gelato al puffo.
Ho smesso da settimane di pubblicare i post anche su fb, quando finalmente ho capito che si tratta di uno strumento completamente diverso rispetto al blog, insomma chi vuole leggere davvero viene qui.
Non devono ingannare i 200000 fan che a volte hanno alcune pagine, non sono garanzia che uno legga . Danno più soddisfazione 100 altri blogger che ti fanno da followers , anche se a leggerne il numero e fare paragoni , sembrano briciole. In questo senso Fb ha rovinato un po' questo aspetto.

L'importante , in fondo , è che tu abbia sempre la voglia di scrivere e qualche lettore che abbia voglia di leggerti.
 E che nessuno si azzardi piu' a chiederti delle pale o degli ingredienti per le torte.

25 commenti:

Ale [Tredici] ha detto...

Fantastico :) Condivido ogni virgola. Io non ho mai fatto la pagina per facebook, mi limito a pubblicare il link del nuovo post sul mio profilo. Ma, come te, ho scoperto che è molto più soddisfacente avere tre lettori che ti leggono davvero, che cinquecento che non ti leggono!

CervelloBacato ha detto...

Guarda io con facebook ho un rapporto di odio intenso! A parte che non farò mai una pagina invitando gli amici perchè sono anonimo, quindi il tuo problema lo salto a piè pari, ma quando ci ho provato quel maledetto faccialibro mi ha escluso più e più volte dal suo bellissimo mondo. Se passi sul blog trovi tutto il problema, cui ad oggi nessuno è ancora riuscito a dare una rispostaxD

...ma la notte no! ha detto...

io non ho proprio facebook semplicemente perchè non mi piace! Lo so che la cosa fa tanto antisociale ma è così!

Sig.na Silvietta ha detto...

Son d'accordo con te... son stata combattuta un sacco di tempo sull'aprire o meno la pagina fb collegata al mio/miei blog poi alla fine ho pensato che non importava, i miei post li linko nel mio profilo personale di FB,twitter e G+ , i miei amici se hanno volgia li leggono altrimenti ame.... alla fine chi mi legge e mi ha sempre letto sono quella decina di lettori che davvero sono interessti a quello che scrivo e passano a salutarmi di tanto in tanto.. mi piacciono poco anche quelli che passano e in un post a caso, che magari nemmeno hanno letto ti lasciano un commento tipo "ciao bel blog , mi sono aggiunta ai tuoi follower passa anche tu da me e lascia un commento ", alla fine questo lo si fa solo per avere in bacheca un numero alto di lettori ma poi quanti davvero leggono quello che scrivi? Allora meglio pochi ma buoni , meglio pochi che però davvero sono interessati a ciò che scrivi...leggo tanti blog , commento quelli che piacciono e se mi chiedono di mettere il mi piace a una pagina FB , ben venga , ma se tanto metto il mi piace ma poi di fatto non leggo.. a che pro?
Hai detto bene... i 2000 mi piace che se li tenga il gelato al Puffo o la pagina di "quelli che annusavano la coccoina a scuola!"

Basta via.. son stata anche troppo prolissa! Buon inizio settimana!

Lunacy ha detto...

saggio, saggio uomo! su fb la gente è tanto se guarda le immagini. Su blogger invece puoi star sicuro che qualcuno legge! ;)

Debora ha detto...

Io preferisco di gran lunga la quiete e la selettiva riservatezza che il blog offre. Sono fautrice del se ti piace ciò che scrivo, leggi comemnti e torni, ma puoi anche tranquillamente leggere e basta, che fa piacere lo stesso. Certo, i commenti alimentano lo scambio personale di idee, e ci arricchiscono vicendevolmente, anche se purtroppo, per problemi di tempo, non sempre riesco a rispondere ai commenti che mi lasciano.
C'è stato un tempo, agli albori della mia vita da blogger, che contraccambiavo l'iscrizione al blog, di tutti coloro che si iscrivevano al mio, ma poi col tempo, mi son resa conto che è sciocco illudere una persona, sppur virtuale, facendole credere che provo interesse per ciò che scrive, quando invece non mi interessa affatto perché diametralmente opposto a ciò che amo, ciò che penso, ciò che mi piace.
Se contraccambio è perché mi interessa veramente, può essere che mi fa ridere, ed io rido tantissimo, anzi, fosse vero che si dimagrisce a ridere, credimi, a quest'ora sarei invisibile da tanto che rido, o perché ha in comune con me delle idee, delle passioni, o semplicemente perché scrive in una maniera che cattura la mia attenzione anche se scrive di fragole e lucciole.
Non cerco notorietà su facebook, e nemmeno cerco lettori su blogger. Sai quanti si sono iscritti, e poi cancellati perché non hanno ricevuto lo scambio di iscrizione o di commenti? Il blog è uno spazio personale, se decidi di entrare va fatto con educazione e rispetto, io non ti obbligo ad entrare o rimanere, e tu non puoi pretendere lo stesso, e deve avvenire sempre tutto nel massimo del rispetto reciproco..
Insomma, credimi, son più sinceri tre lettori che ti seguono assiduamente e ti commentano con piacere che milioni che si segnano per far numero...

Emy ha detto...

: questo si , questo no, questo non capisce le battute è inutile! quanto hai ragione hahahah

Io non posso aprire la pagina fb perché il blog è personale (categoria: egocentrismo) e non mi va che faccia il giro di cani e porci e tanto meno che arrivi alle persone sgradite di cui parlo. Ho già rischiato una volta, mai più.

Però hai ragione, io per prima vorrei che quel 78 aumentasse ma non aumenta mai :) non per manie di grandezza, nè per fare numero.. ecco vorrei che mi leggessero più persone per avere un confronto maggiore, perché ciò che può nascere dai commenti vale più del post in sè. Quindi spesso mi ritrovo a scrivere, a confidarmi e alla fine mi ritrovo con 5 commenti. Capirai che questo ti fa cadere le braccia, ti fa dire 'ma vaffanc*lo, chi me lo fa fare' perché non prendiamoci in giro, la frase 'io scrivo per me' è una cazzata. :)

Poi vedi Farfallina Pucci Pucci (nome inventato) che ti aggiorna del clima e di che colore ha smaltato le unghie, ha sotto un misero post del ca**o 70 commenti e lì ti parte l'embolo.

Sì, ho la presunzione di saper scrivere. Di scrivere cose che meritano di essere lette. Ecco, mi sono sfogata.

Emy ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Emy ha detto...

"ciao bel blog , mi sono aggiunta ai tuoi follower passa anche tu da me e lascia un commento''. Ho letto ora e non posso esimermi di dire la mia. Ecco, queste persone mi avviliscono. Così come mi avviliscono i giveaway stile 'per partecipare devi firmare qui qui e qui, mettere mi piace a destra, condividere a sinistra, lasciare la provetta delle urine sotto questo post, giurare fedeltà eterna al blog mettendo il mio banner sul tuo blog ma non in fondo, no, in alto, sì in alto così che lo vedano in tanti e possano partecipare per vincere questi favolosi orecchini di seconda mano che mi schifano e che voglio dare a uno di voi'.

Io leggo ste robe e penso MA SEI SERIA?! Questo per dire che non condivido la pratica di accaparrarsi lettori a sto modo, l' 'unisciti al blog' forzato. Sapere che quei 78 si sono uniti al mio blog di loro spontanea volontà e non ho elemosinato visite.. mi soddisfa.

Poi c'è chi dice 'eh ma quante paranoie che vi fare, ma scrivete e basta, si perde l'essenza del blog, vi fasciate la testa, ecc ecc... sii te stessa e vedrai che arriverai alla gente'. Avvilimento 100%


http://viverea4lee.blogspot.it/

gegge ha detto...

Oddio , Emy , cara , devi assolutamente linkarmi il blog di Farfallina Pucci Pucci !! Voglio iscrivermi subito! ;P
___________________________________

Allora, condivido molte delle cose dette da voi qui su , in particolare mi è piaciuto il concetto di riservatezza selettiva di Debora, nel senso che una cosa scritta su fb è alla portata di tutti, parlando terra terra ti puo' leggere anche un tamarrone che non capisce nulla e magari poi criticare pure , insomma credo che un minimo di filtro debba esserci. Ma non per snobismo o per non voler essere "di tutti" , ma perchè soprattutto per chi scrive cose "personali" , è lecito volere che il destinatario del messaggio abbia una determinata sensibilità o cultura per capirlo correttamente.
Emy , ho una predilezione per i blog personali, non a tema diciamo, il tuo sin dall'inizio mi è piaciuto per vari motivi , mi spiace che sti cacchio di lettori non aumentino... capisco anche il discorso del volere lettori: c'è chi scrive solo per se, io personalmente non faccio parte di questa categoria: io voglio lettori. voglio qualcuno che legga, che commenti (ma anche criticando eh) poi scrivo puttanate simpatiche e mi piace quando uno dice che l'ho fatto ridere o che era triste e leggendomi si è tirato su.
Perchè è bello scrivere, ma lo scopo di farlo è comunque comunicare e il destinatario ci deve essere. Poi ovviamente ognuno scrive per i motivi che vuole.
Quanto al fatto di farsi pubblicità chiedendo agli altri di iscriversi al proprio blog e ricambiare il favore, concordo che è una pratica un po' antipatica. Anche io, soprattutto all'inizio , andavo in altri blog e commentavo un po' per farmi conoscere, ma almeno facevo lo sforzo di leggere il contenuto del post e di piazzarci un commento calzante , anche per rispetto dell'autore.
Pero' ammetto che anche io , all'inizio, non sapendo come muovermi su blogger, avrò scritto qualche post del tipo "Ciao, bel blog!" , ma mai dicendo "Si, però mo' vieni da me e ricambia, eh!"
ehehehehe

bello sto dibattito , su continuate pure senza problemi!

ps chiedo scusa a chi non ho risposto direttamente , volevo fare un unico discorso articolato;)

Ata ha detto...

Marò, ho letto tutto il post e TUTTIII i commenti, e lo faccio SEMPRE!
Mi son detta : e menomale!
Altrimenti sarei stata anch'io come quelle cretineviscideegocentriche che vanno dagli altri solo per farsi visitare, oddio!
Devo confessare, però, due cose: 1) io ho invitato altre persone a visitare il mio blog, ma mai, e dico mai, le ho ricattate a seguirmi.
2)sono iscritta a Facebbok. Io ho aperto un blog senza sapere nemmeno l'Abc di come funzionasse e mi hanno consigliato di farlo.
E ora?

Emy ha detto...

posso dire anche che mi urtano i blog con la musica di sottofondo? Quindi tu puoi essere anche lo scrittore più affermato della Terra ma se hai il lettore musicale che mi parte con Alessandra Amoroso a palla, non meriti la mia stima :P

ah e odio anche il captcha. Come sono selettiva :P hahaha

Ele ha detto...

Uhh che bello,allora non son la sola a scrivere molto nei commenti.Ed io che pensavo non s'usasse nei blog(cominciavo a sentirmi a disagio).Mah,io 'sta cosa del commento ut commenti tu,l'avevo capita già prima di aprire il blog ed è per questo,forse,che non ricevo molti commenti.Pochi ma buoni,però.Soprattutto di quelli che ti fan capire che han letto oltre il titolo del post..Ogni tanto capita qualcuno che commenta con "ciao,bello uh uh passa da me,ciao",oppure "ora ho poco tempo scusami ma ti ho lasciato una cosina nel mio blog" della serie vicina di casa che ti ha ritirato la posta mentre eri fuori e per comodità,sua, te l'ha lasciata sul tavolo della sua cucina..Anch'io ho pensato ai mille modi per far conoscere il blog..giveway ecc non son da me,non li amo a priori e poi il mio è un blog troppo caotico e confusionario,un mix sconclusionato,che metterei in palio?Giro i premi altrui e alle volte neppure ricambiano..ergo..ho smesso.Basta.Scrivo e chi vuole legge.Stop.Su facebook ho una mia identità personale,del blog lo san veramente in pochi e siccome tutti gli altri,per vari motivi-ivi compresi i post incazzosi - son passibili di esser citati (a loro insaputa)nel mio blog..mi guardo bene dal comunicare il mio blog.Potrei aprir una pagina con l'account google così salvo l'anonimato,ma ci ho provato creando un altro account su face e nel giro di due gg l'han scoperto tutti(uno sbianco pazzesco).Diciam che quando vorrei essere invisibile non ci riesco,mentre nella vita vera non mi nota nessuno..che vita del cavoletto..Quindi,stringo sennò si copiano il commento e lo appendono sul muro davanti al pc per stimolare le funzioni intestinali,hai fatto bene,bravo.Meglio pochi,ma buoni.Che poi pochi..se i tuoi son pochi io che devo dì?

hottanta... ha detto...

Nonono, non ci penso proprio a linkare su FB! lì mi conoscono, sul blog sono più libera! Vabbè che chi vuole riesce a capire chi sono ma FB è per contatti diversi...Poi meglio pochi ma buoni, a me piace l'idea di una comunità che cresce per affinità non per numeri.

Sig.na Silvietta ha detto...

Son ripassata a dare un 'occhiata perchè volevo vedere cosa si era sviluppata la discussione ...beh.. alla fine mi pare siam tutti abbastanza d'accordo che la pagina FB ... anche no grazie!
Nel leggere mi son proprio incuriosita e ora vado a dare un 'occhiata a blog che non conosco che hanno commentato questo post ( questo è di solito il modo che mi porta a visitare e consocere altri blog, e mi piace sia questo...altro che il mi piace fine a se stesso su FB!).
Buona giornata a tutti!

Sig.na Silvietta ha detto...

@Emy cliccando sul tuo utente non riesco a vedere qual'è il tuo blog... vedo solo quelli che segui... ero curiosa di passare a ciacciare( ciacciare=dare un 'occhiata , fiorentino purissimo DOC !) visto le FORTISSIME somiglianze che mi legano a te , ossia l' odio del captcha e dei blog con sottofondo musicale! :-D
Se me lo linki qui sotto passo ( ma non vuol dire che devi passare da me è!! Su questo punto credo di essermi spiegata bene anche sopra! ;-)

Sig.na Silvietta ha detto...

@Emy :Sorry!!! L'ho visto adesso in fondo al commento il link al tuo blog......

Lunacy ha detto...

Sono stati tirati fuori un bel po' di discorsi intelligenti e sensati ai quali non mi sento di aggiungere altro (dato che concordo a pieno).
Mi rimane però un dubbio: se diamo per scontato che quando una persona scrive su un blog online lo fa per essere letto (altrimenti scriverebbe su un diario o terrebbe un blog privato in cui ammettere pochi intimi conoscenti), quali sono i fattori che rendono un blog veramente "leggibile"?
Basta davvero soltanto scrivere decentemente? o bisogna essere simpatici? o parlare di argomenti su cui si può dibattere? o postare frivolezze e giveaway?
Da quel che ho osservato io nel corso degli anni (qui ho un blog da un annetto, ma prima ne avevo un altro) non è affatto scontato che la gente si metta a leggere i cazzi degli altri.
Soprattutto se si ha una personale propensione a scrivere principalmente post personali e riflessivi.(leggasi: forse forse si arriva a dieci followers con un po' di culo!)

Allora quel che chiedo a voi è: qual è il fattore B (blogger!...uccidetemi!)che rende un blog piacevole alla lettura anche quando l'autore scrive prima di tutto per lasciare traccia di ciò che gli accade intorno e nella testa, senza scervellarsi su come accalappiare il pubblico?

Emy ha detto...

http://viverea4lee.blogspot.it/ Silvietta sono qui ;)

Emy ha detto...

Lunacy come mi fu detto una volta: trova l'argomento e parlane! una sorta di filo conduttore che interessi un certo target... facile -.- non per me! c'è chi parla di moda, ci recensisce libri, chi fa letture a tappa, chi di ricette, chi di gravidanza, chi parla di nailart e così via... è ovvio che un argomento SOLO attira gente che è interessata a quel campo e ti segue! io sono di questo parere!!
il mio blog non ha un tema, rientra nella categoria EGOBLOG. Parla di me, di quello che faccio, di quello che mi accade (vedi sfighe da vita da fuori sede)...quindi chi è interessato, chi adora come scrivo mi segue! Ma questa categoria secondo me è la più sfigata ;) eheh

L'antipatica ha detto...

odio fb, chi vuole leggerti ti trova a prescindere

Günther ha detto...

bello mi piace come lo hai raccontato, ma quanto tempo ci vuole al girono per fare questo?

gegge ha detto...

gunter, per far che?
se intendi a scrivere un post, di solito impiego un quarto d'ora circa...poi se scrivo di getto anche meno.

Comunque il bello di un blog personale è che puoi trattare di tutto,senza mai "stonare".

Ovviamente anche quello a tema ha il suo fascino, solo che dovresti "padroneggiare" il tema...

In definitiva fb non ci avrà . ok. però tanti tanti blog hanno COLLEGAMENTO FB , COLLEGAMENTO TWITTER , COLLEGAMENTO GOOGLE+ (che non conosco) ed altri ed altri ancora...

non so quanto efficace possa essere il passa parola, credo che la cosa più efficace in definitiva sia far parte attivamente della comunità di blogger, commentando e visitando altri blog...io vado a post, nel senso che se nella bacheca esce un post che mi piace entro nel blog, qualunque esso sia. poi in alcuni ci vado fisso, perchè son nelle mie corde ;)

Emy ha detto...

però ho sempre detto che chi vuole aggiungermi alla pagina fb personale, per parlare del piu e del meno, può chiedermelo mandandomi una mail ;)

Pudding Words ha detto...

Concordo perfettamente
a me è successa la stessa cosa
http://puddingwords.blogspot.it/